You are currently browsing the tag archive for the ‘terrorismo’ tag.

«(…) Il grande problema culturale europeo è un altro: il non credere a nulla. Che spesso è premessa del credere nelle peggiori utopie. (…)»

«(…)In assenza di Dio, che gli manca sin da quando è nato, il giovane ateo, futuro jihadista, cerca un senso all’ordine, naturale e sociale, che vede attorno a sé. Evidentemente non gli basta la risposta “è frutto del caso”.(…)»

Li trovate qui.

Questa ricetta, che ha il pregio di rispondere ai problemi legati ai regimi sbilanciati che portano all’insorgenza di patologie letali, è la elaborazione e la sintesi di una serie di consuetudini sparpagliate che ultimamente gli italiani (ma non solo, credo) stanno valorizzando. Più che una ricetta, a dire il vero, si tratta di una lista di ingredienti base, da modulare come meglio si crede. Questi ingredienti sono un vero toccasana; fatene un uso costante e vedrete che non correrete più il rischio di ammalarvi di brutti mali.

Eccoli:

– selettiva eliminazione dai palinsesti televisivi di tutte le trasmissioni collocabili al di sotto della soglia di 85 sulla scala Q.I.;

– abbondante repressione di qualsiasi atto che offenda la sensibilità religiosa;

– spolverata di indumenti femminili che non facciano sembrare le nostre donne delle troie (o, a piacere, delle prostitute).

Bon appétit!

«Su questo conflitto [israeliano-palestinese] si è detto e soprattutto taciuto di tutto. I media mainstream hanno diffuso solo quello che era sicuro i loro ascoltatori avrebbero accolto, loro sono i terroristi noi i civili, loro sono i cattivi noi i buoni e siccome l’occidente è buono va da sé che chi si dice occidentale è buono e con questo spero che il solito imbecille di passaggio non concluda che sto dicendo che i buoni stanno dall’altra parte! Si parla solo delle “emergenze” della storia, le radici si ignorano. I pochi Chomsky o Hedges vengono ignorati. La loro lettura che anticipa il futuro passa inascoltata. In queste occasioni vanno alla grande criptonazisti appassionati d’arte, blogger specializzati in pepate di cozze, interpunzione impeccabile e che non ammettono nei loro blog quegli imperdonabili segni demotici :-|»

Troppa grazia, sig. Antonio C., troppa grazia. Dico sul serio.

Non ho letto il testo integrale di Alessandro Di Battista che ha innescato in questi giorni una serie di reazioni indignate, quindi, non entro nel merito della polemica; tuttavia mi è capitato sotto mano il passaggio in cui c’è il tanto criticato accenno a pratiche terroristiche:

«(…) E’ triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana (…)» (grassetto mio)

Ecco, mi piacerebbe sapere cosa si intende per “tecniche nonviolente”, e in cosa consista nello specifico la loro presunta efficacia (sono le migliori, dice) per difendersi da chi ti sta massacrando di botte (ti bombarda).

scuse

Certi personaggi dovrebbero imparare un poco di italiano.
Chi parla questo idioma, infatti, ha più probabilità
di convincersi (e magari di agire di conseguenza) che,
da fare qualcosa per orrore a farla per errore,
il passo è veramente breve.

Death to smiley

Ehi, moderiamo gli emoticon!

STO LEGGENDO

LINFA CHE SCORRE

E SI SAPPIA CHE

HANNO DETTO

«Nessuno merita d'esser lodato per la sua bontà se non abbia la forza d'essere cattivo: ogni altra bontà non è il più delle volte che una pigrizia o un'impotenza della volontà.»
(François de La Rochefoucauld)

«I'm not insane. My mother had me tested.»
(Sheldon Cooper)

«Preferisco leggere o vedere un film piuttosto che vivere... nella vita non c'è una trama.»
(Groucho Marx)

«Reality is that which, when you stop believing in it, doesn’t go away.»
(Philip K. Dick)

«Quando una persona soffre di un'illusione parliamo di pazzia, ma quando ciò accade a molte persone parliamo di religione.»
(Robert Pirsig)

«È un errore capitale teorizzare prima di avere i dati. Senza accorgersene, si comincia a deformare i fatti per adattarli alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti.»
(Arthur Conan Doyle)

«La libertà. Chiunque arrivi, fresco fresco, a darne una definizione innovativa è sicurissimamente uno che te lo vuole mettere nel culo.»
(Erasmo)

«Quando vedo Marilyn Manson mi sento così carogna che ho il pensiero di andare a costituirmi.»
(Banditore)

«Ratzinger: "Dio si dà gratis".
Ma si fa pregare.»

(www.spinoza.it)

«Il palcoscenico del mondo è un teatro e sia gli uomini che le donne non sono altro che attori porno.»
(Mr.Ghirlanda)

Flying Spaghetti Monster

Non spingete, per favore!

  • 144.636 pigiate

VESTIGIA