You are currently browsing the category archive for the ‘Prove tecniche di cinismo’ category.

Chiedo ai miei lettori un personale punto di vista, perché questi ultimi giorni non hanno portato saggezza.

Ditemi, se uno sconosciuto suonasse al vostro citofono e vi chiedesse qualcosa da mangiare, voi come vi comportereste?

Confido in pareri celeri, perché non so quanto ancora possa aspettare, il tipo accucciato davanti al mio cancello.
E poi dovrei uscire.

Visto l’enorme successo che il cinismo riscuote da questa parti, ripropongo una collezione di classici. Ecco, quindi, un mio modesto cadeau con cui allietare il weekend di famiglia e amici.

Clandestini su carrette galleggianti custodiscono pochi effetti personali
in sacchetti di plastica, che sono responsabili di gravi danni all’habitat marino,
in caso di naufragio.
In paese, questa mattina all’alba, le campane hanno suonato a morto,
svegliando tutti tranne il diretto interessato.
Ho fatto visita a un conoscente in ospedale.
Egli è ricoverato nel reparto oncologico dove il distributore delle bibite è difettoso
e mi ha fregato la bellezza di due euro.
In diverse situazioni mi sono ritrovato a considerare il suicidio una valida opportunità,
ma mai una volta che sia riuscito a convincere un rompicoglioni ad avvalersene.
Mi sovviene che dovrei avere almeno una sgargiante camicia hawaiana
solo quando devo vestirmi per andare a un funerale.
Serve sicuramente una legge che obblighi i figli ad uscire di casa a 18 anni.
Per toglierseli di mezzo definitivamente,
comprar loro un’auto dalle prestazioni brillanti mica funziona sempre.
Niente post, oggi. Ne stavo scrivendo uno che, ho deciso, non vedrà mai la luce.
Era sull’aborto e stava venendo male.

“Si ricorda ai sigg. condomini che è vietato utilizzare gli spazi comuni in modo permanente o temporaneo (Art. 2 – comma 1). In particolare, le rampe di scale, gli atri e i corridoi devono essere sempre lasciati liberi. Quindi si esorta chi ha lasciato lo scatolone nei pressi dell’ascensore del quarto piano, con all’interno il cadavere di un uomo, a rimuoverlo.”

A seguito della segnalazione di una sensitiva, che indicava in una zona del Friuli la presenza della ragazza scomparsa, le Forze dell’Ordine, con gran dispiegamento di mezzi, hanno messo in atto un’operazione di ricerca capillare.
Della ragazza nessuna traccia, ma la sensitiva, che nei giorni precedenti era stata negli stessi luoghi per un’escursione, ha potuto recuperare il proprio cellulare.

I lettori più attenti, che avranno certamente notato l’assenza di recenti “Prove tecniche di cinismo” (l’ultima risale a giugno di quest’anno), possono stare tranquilli: non ho abbandonato la materia, ho solo incominciato a metterla in pratica.

“Stasera mi sento di merda.”
(Wildestwoman)
“Non ti buttare giù (*)
(JazzTrain alias sig. Train)
“Sì, vabbe’, basta però parlare di Monicelli!”
(Marcoz)

*qui c’era un emoticon, che è stato soppresso dopo torture inenarrabili

Ieri sera, il mio vicino è passato con l’auto sopra il figlio di tre anni, facendo distrattamente retromarcia per uscire dal box di casa. Il bambino è in coma, ma poteva andare peggio. Fortunatamente, in famiglia, non sono appassionati di calcio.

[Devo ammettere che ho avuto grosse difficoltà a trovare il modo di iniziare questo post, soprattutto se pensate che le prime e uniche parole che mi venivano in mente erano “arrivederci e grazie!”
Davanti alla tela bianca, allora, mi sono ricordato di mio nonno, il quale era solito dirmi: “Il cavallo, il cavallo è la chiave di tutto.” Ovviamente, ciò non è stato di grande aiuto; però bisogna dire che mio nonno è morto prima dell’avvento di Internet, era impossibile che sapesse che cos’è un post, e mica potevo pretendere un granché, dalle di lui memorie.
Così mi son detto: niente preliminari, andiamo subito alla sostanza.]

In questo luogo si fa spesso riferimento al sesso e, soprattutto, al sesso solitario (d’altro canto, sopra il nome del blog, l’esergo parla chiaro: chi si sorprende di questo, dovrebbe stupirsi anche del fatto che il macellaio vende bistecche).
Tuttavia, non è detto che fare riferimento al sesso voglia dire parlare di quello. È possibile, infatti, che l’uso del sesso nel discorrere sia solo un mezzo e non l’oggetto dell’attenzione. Per quel che riguarda il complesso di questo blog, al netto delle uscite esclusivamente goliardiche, potremmo dire che esso è frequentemente poco più di un pretesto e, addirittura, un esercizio di pudore. Se mi è consentito un esempio paradossale, da queste parti, tirare in ballo il sesso è paragonabile alla rivista pornografica acquistata in edicola, che nasconde Science o Darwin da occhi indiscreti, tanto è l’imbarazzo che si prova, a volte, nell’abbozzare considerazioni vagamente… culturali.
Comunque sia, desidero fare ammenda e mi autodenuncio per abuso della monotematicità (sic).
Ed è per questo che, a mia parziale discolpa (casomai ce ne fosse davvero il bisogno) e per dimostrare che questo blog non ha mancato di occuparsi di tematiche di un certo spessore, riporto qui una selezione di brevi scritti già pubblicati. Testi dai quali sensibilità, coinvolgimento, empatia e apprensione per le dolorose vicende umane sgorgano prepotentemente. Oserei dire, come il greggio che scaturisce dalla falla nel Golfo del Messico, in questi giorni.
La collezione che segue è tratta dalle “Prove tecniche di cinismo”.

  1. Clandestini su carrette galleggianti custodiscono pochi effetti personali in sacchetti di plastica, responsabili di gravi danni all’habitat marino, in caso di naufragio.
  2. Un pomeriggio passato in auto, incolonnato nel traffico, sotto la pioggia; infine, quasi alle dieci di sera, la coda in autostrada a causa di un pauroso incidente.
    È incredibile come la gente faccia di tutto per privarti del diritto a lamentarti di una giornata stressante.
  3. In paese, questa mattina all’alba, le campane hanno suonato a morto svegliando tutti tranne il diretto interessato.
  4. È inopportuno trasmettere un servizio sul calendario della velina di turno dopo uno su disabili e disservizi statali. L’indignazione impedisce di godersi culo e tette come si deve.
  5. Ho fatto visita a un conoscente in ospedale. Egli è ricoverato nel reparto oncologico dove il distributore delle bibite è difettoso e mi ha fregato la bellezza di due euro.
  6. In diverse situazioni mi sono ritrovato a considerare il suicidio una valida opportunità, ma mai una volta che sia riuscito a convincere un rompicoglioni ad avvalersene.
  7. Mi sovviene che dovrei avere almeno una sgargiante camicia hawaiana solo quando devo vestirmi per andare a un funerale.
  8. Niente post, oggi. Ne stavo scrivendo uno che, ho deciso, non vedrà mai la luce. Era sull’aborto e stava venendo male.

A questo punto, sarei quasi tentato di aggiungere una prova tecnica inedita e inaudita, ma non vorrei apparire eccessivamente sentimentale. Quindi, la tengo in serbo per la prossima volta, quando sentirò il bisogno di versare una lacrimuccia.

Serve sicuramente una legge che obblighi i figli ad uscire di casa a 18 anni.
Per toglierseli di mezzo definitivamente, comprar loro un’auto dalle prestazioni brillanti mica funziona sempre.

Terremoto devastante ad Haiti, una delle nazioni più povere al mondo.
Migliaia di morti.
È incredibile cosa certa gente sia disposta a fare pur di strapparti un obolo.

Per stare vicino alla moglie gravemente malata, un famoso giocatore di calcio abbandona la professione.
Se si trattasse della consorte di un operaio in cassa integrazione, non ci sarebbe bisogno di tanto sacrificio.

Death to smiley

Ehi, moderiamo gli emoticon!

STO LEGGENDO

LINFA CHE SCORRE

E SI SAPPIA CHE

HANNO DETTO

«Nessuno merita d'esser lodato per la sua bontà se non abbia la forza d'essere cattivo: ogni altra bontà non è il più delle volte che una pigrizia o un'impotenza della volontà.»
(François de La Rochefoucauld)

«I'm not insane. My mother had me tested.»
(Sheldon Cooper)

«Preferisco leggere o vedere un film piuttosto che vivere... nella vita non c'è una trama.»
(Groucho Marx)

«Reality is that which, when you stop believing in it, doesn’t go away.»
(Philip K. Dick)

«Quando una persona soffre di un'illusione parliamo di pazzia, ma quando ciò accade a molte persone parliamo di religione.»
(Robert Pirsig)

«È un errore capitale teorizzare prima di avere i dati. Senza accorgersene, si comincia a deformare i fatti per adattarli alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti.»
(Arthur Conan Doyle)

«La libertà. Chiunque arrivi, fresco fresco, a darne una definizione innovativa è sicurissimamente uno che te lo vuole mettere nel culo.»
(Erasmo)

«Quando vedo Marilyn Manson mi sento così carogna che ho il pensiero di andare a costituirmi.»
(Banditore)

«Ratzinger: "Dio si dà gratis".
Ma si fa pregare.»

(www.spinoza.it)

«Il palcoscenico del mondo è un teatro e sia gli uomini che le donne non sono altro che attori porno.»
(Mr.Ghirlanda)

Flying Spaghetti Monster

Non spingete, per favore!

  • 139,866 pigiate

VESTIGIA