«Gli uomini sono liberi di mostrare i loro seni
— si leggeva sui manifesti —
perché le donne svedesi no?»