Articolo a proposito di una fresca uscita di un imam, che sostiene l’immobilità terrestre (neretto mio):

(…) Rispondendo alla domanda di uno studente se la Terra fosse ferma o in movimento, lo sceicco al-Bandar Khaibari ha risposto: “ferma ovviamente e non si muove”, con tanti saluti a Galileo. Ha poi sostenuta la sua tesi citando altri chierici e dichiarazioni religiose. Passando poi ad una bizzarra deduzione “logica”, in cui ha detto: “Prima di tutto, a che punto siamo oggi? andiamo all’aeroporto di Sharjah per recarci in Cina in aereo, chiaro?! Guardate, questa è la Terra, – tenendo in mano un oggetto (foto) – se la terra si muovesse e un aereo si fermasse in aria la Cina verrebbe verso di esso. E se la Terra ruotasse nel senso opposto, l’aereo non raggiungerebbe mai la Cina, perché la Cina andrebbe in direzione opposta”. Vai a spiegare all’imam saudita che l’aereo va un ‘tantino’ più veloce della rotazione terrestre. La dichiarazione del chierico islamico è stata fatta proprio il 15 febbraio, nello stesso giorno del 1564 è nato il nostro Galilei. L’Islam è cinque secoli indietro.