Mi sa che un commentatore del Corriere sospetta che a lavorare col cazzo non siano solo gli attori porno, ma pure altri esimi professionisti; infatti, egli scrive «Un pronunciamento semplicemente penoso!!!», a proposito di un caso giudiziario che solleva più di una perplessità sui criteri di giudizio di alcuni togati.